Storia

Quinta da Capela (fattoria della cappella), o “Casa da Capela” com’era chiamata localmente, la cui costruzione originale risale al 1692, è appartenuta per secoli all’illustre famiglia Leal i cui membri furono visconti, consiglieri e governatori.

Nel 1777 il Capitano João Nepomuceno Freitas Leal, figlio di Pantaleão de Freitas Leal e di Maria do Sacramento e França, fece ingrandire la casa comprendendovi una cappella dedicata a San Giovanni Nepomuceno (o Giovanni di Nepomuk, 1345-1393), nato a Praga, che fu ucciso dal re di Boemia per non aver voluto rivelare i segreti della confessione.

La leggenda vuole che i pescatori pronti a prendere il mare volgessero lo sguardo alla cappella sul colle e invocassero la benedizione del santo.

Dopo il Capitano João Nepomuceno Freitas Leal la casa appartenne a Luísa de Freitas Leal, che lasciò la Quinta ad Augusta da Câmara Lomelino. La nipote, Eugénia de Bianchi Henriques, ereditò la casa dalla zia e fu l’ultima proprietaria che vi abitò.

L’ultimo proprietario maschio e discendente diretto dei Leal fu il Visconte di Porto da Cruz, Silvano de Freitas Branco (1828-1920) ma, curiosamente, i vecchi ricordano più volentieri il tempo in cui nella grande casa risiedeva Donna Eugénia.

A quel tempo molti viaggiavano fra Porto da Cruz e Machico attraversando la proprietà. Ne sono testimonianza gli anelli da briglia tuttora presenti sui muri esterni.
Dopo che gli ultimi eredi si trasferirono a Lisbona, la Quinta da Capela venne adibita a scuola primaria negli anni 1940, ‘50 e ‘60.

Acquistata nel 1984 dall’attuale proprietario, la Quinta dovette essere completamente ricostruita. Con l’aiuto di vecchie foto fornite dagli archivi di Funchal, la casa ha recuperato la precedente eleganza mantenendo le caratteristiche originali.

Un dipinto di San Giovanni Nepomuceno, appeso nella cappella, scomparve misteriosamente quando la casa fu acquistata. Era stato dipinto nel 1777 da Nicolau Ferreira, uno dei maggiori pittori Madeirensi del suo tempo. Qualche decade più tardi il quadro riapparve presso un antiquario di Funchal ed il proprietario riuscì a riappropriarsene.

Dichiarata Monumento di Interesse Locale nel 1995 dal Governo, la casa funziona come hotel turistico rurale dal 1994, essendo un eccellente punto di partenza per esplorare levadas e sentieri del nord dell’isola.